Vai al contenuto
Ago
8
2018

Per chi, come me, vola esclusivamente con motorizzazione elettrica, è sempre una rogna avere a che fare con modelli che sono nati per essere motorizzati con motore a scoppio. In questi casi è necessario rimuovere sempre le ali dalla fusoliera per potere inserire il pacco batterie. Con l'inarrestabile avanzata dell'elettrico rispetto allo scoppio, le case produttrici hanno cominciato a mettere in commercio modelli che posseggono un vano apribile sulla parte anteriore della fusoliera agevolando le operazioni di sostituzione del pacco LiPo.
La VQ possiede(va) in catalogo un FW190 classe 46 che a suo tempo ho acquistato e che adesso non ho più. Tale modello, come tanti altri della stessa casa, non prevedeva un facile accesso per il cambio batteria e la sua dipartita non è stato un grosso dolore. Ultimamente su Piccole Ali ho notato la presenza di un nuovo FW190 classe 46 provvisto di un comodo vano superiore apribile e di un muso più lungo del modello precedente. L'occasione era ghiotta e non ho restito quindi l'ho acquistato.

Come al solito mi piace aggiungere delle soluzioni personali alle scatole ARF che acquisto. Con questo articolo mostro tali soluzioni ma soprattutto servirà a me di promemoria quando (spero il più tardi possibile) dovrò acquistarne un altro 🙂


Le Ali

Come sempre inizio dalle ali. Questa volta ho deciso di fornire il modello di un sensore di Pitot. La prima installazione del sensore l'ho fatta sul Kawasaki ki61 classe 60 e ne sono rimasto soddisfatto quindi adesso lo voglio provare sui modelli della classe inferiore.

Dalle foto si nota ovviamente che ho aggiunto anche i flap. Altrove c'è l'articolo che tratta dell'argomento. in quell'articolo riutilizzavo il pvc tagliato per il coperchietto del servo del flap. Adesso non uso più questo sistema perchè se si taglia a filo il rivestimento dopo si ottiene uno sgradevole risultato. Il PVC infatti a seguito degli sbalzi di temperatura si estende e si contrae. Quando si contrae, in corrispondenza del precedente taglio a filo, si scopre il legno sottostante ed è poco bello a vedersi. In questo modello invece non ho tagliato a filo il pvc ma ho lasciato abbastanza rivestimento da rivoltarlo in dentro ed evitare in questo modo che ritirandosi per la temperatura si possa vedere il balsa dei bordi sottostanti.

Il coperchio del servo del flap, i flap stessi e gli altri due coperchietti nella estremità delle ali sono stati verniciati con una bomboletta Molotow - Belton Premium 400 ml, Caribbean (MP-121).

Alla fine l'ala sinistra, con il Pitot, risultava più pesante di quella destra. Ho dovuto aggiungere 20 gr. di zavorra per bilanciare staticamente le ali.


La fusoliera

Vista la precedente esperienza del vecchio modello che a causa del muso corto mi ha obbligato ad aggiungere piombo sul parafiamma, questa volta ho voluto adottare una diversa soluzione testata anche questa sul Kawasaki.  😉

Si tratta di aprire una finestra nel parafiamma per potere spingere il pacco LiPo in avanti. Per ottenere questa finestra è necessario utilizzare una dima diversa da quella fornita a corredo. Con questa nuova dima i fori sono più distanti e non interferiscono con la creazione della finestra di passaggio della LiPo.

Il ricevitore S8R l'ho posizionato in corrispondenza del baricentro e l'ho fissato come al solito con 4 magnetini al neodimio.

Anche in questo modello come nel Kawasaki ho usato due decoder SBus per evitarmi di manipolare 6 spinette ogni volta che monto le ali.

Non c'è altro di particolarmente interessante da mostrare.

Sabato prossimo collaudo!  😀

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Copyright © 2019 Lillo Calì. All Rights Reserved.